Facebook: nuove feature per segnalare le fake news

Facebook: nuove feature per segnalare le fake news

Il social network più grande della Rete ha introdotto delle nuove etichette attraverso le quali gli utilizzatori del servizio potranno segnalare le fake news; si tratta di una delle prime iniziative della piattaforma specificatamente dedicate al contrasto di questi contenuti, considerati una vera e propria piaga in grado di produrre effetti preoccupanti anche nel mondo reale.

Tale novità coinvolgerà in primo luogo le localizzazioni di Facebook del Nord America, successivamente le stesse feature dovrebbero essere disponibili anche per l'utenza europea. Dal punto di vista pratico abbiamo la possibilità di visualizzare una nuova label, "Disputed" (contestata), con la quale indicare che una condivisione potrebbe essere frutto di fantasia anche se spacciata per notizia o informazione.

Continua dopo la pubblicità...

In sostanza, quando un contributo viene apertamente contestato come falso, il Sito in Blue si occuperà di marchiarlo in modo che questa classificazione sia nota a tutta la community; l'intenzione di Mark Zuckerberg non sarebbe quindi quella di cancellare le news sospette, ma di stigmatizzarle sottolineandone le contraddizioni.

E' praticamente certo che Facebook non effettuerà il lavoro di controllo e analisi del feedback in completa autonomia, collaborerà invece con alcune agenzie e organizzazioni di terze parti specializzate nelle attività di stampa e di fact checking, in questo modo la valutazione dei contenuti contestati dovrebbe essere più oggettiva ed affidabile.

Le nuove funzionalità sono già state utilizzare per "etichettare" una condivisione che ha avuto grande eco sul social network nei giorni scorsi, parliamo di un articolo del "The Seattle Tribune" che indicava in un dispostivo mobile Android compromesso tramite una GIF animata inviata a Donald Trump l'origine di alcune fughe di notizie dalla Casa Bianca.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.