Facebook: video condivisi sui siti Web

Facebook: video condivisi sui siti Web

Gli sviluppatori del Sito in Blue hanno approfittato dell'ultima edizione dell'F8, manifestazione durante la quale Facebook presenta le tutte le ultime novità dedicate agli sviluppatori, per lanciare una nuova funzionalità che consentirà l'embedding dei video pubblicati sul social network nelle pagine dei siti Web di terze parti.

Si tratta di una feature particolarmente attesa dai Webmaster e da tutti coloro che gestiscono e aggiornano pagine Internet, fino ad ora l'unica soluzione per collegare un filmato presente in Facebook sul proprio sito era quello di postare il relativo link, una procedura che costringeva i visitatori ad interrompere la navigazione sulla pagina corrente.

Tale opzione dovrebbe funzionare in modo molto semplice e simile a quanto già accade su altri servizi dedicati allo streaming come per esempio YouTube, praticamente ad ogni contenuto video verrà associato un pulsante denominato "Embed" attraverso il quale l'utente avrà la possibilità di accedere al codice HTML necessario per l'inclusione.

I vertici della creatura di Mark Zuckerberg sembrerebbero aver ragionato a lungo sull'opportunità di fornire questa funzionalità, la possibilità di perdere traffico è sempre dietro al porta, ma nello stesso senso apparirebbe abbastanza chiara l'intenzione di entrare in concorrenza con altre piattaforme come quella già citata di proprietà di Google.

Continua dopo la pubblicità...

La parola d'ordine in questo caso sembrerebbe essere "viralità", infatti, la distribuzione di video anche al di fuori del circuito interno a Facebook potrebbe garantire a questi ultimi una maggiore diffusione dando vita ad un fenomeno di coinvolgimento che, nel lungo periodo, dovrebbe rivelarsi positivo per la crescita del social network.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.