Google crea ATEAC per lo sviluppo dell'AI

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAdobe e Microsoft insieme per il Cloud e il marketing
  • SuccessivoCrescono le retribuzioni del Digital Marketing
Google crea ATEAC per lo sviluppo dell'AI

ATEAC (Advanced Technology External Advisory Council) è il nome di una task force esterna a Mountain View, ma creata dal gruppo californiano per definire delle specifiche che consentano di sviluppare tecnologie basate sull'Intelligenza Artificiale in modo etico e sostenibile. Il consiglio svolgerà anche un'attività di monitoraggio fornendo suggerimenti per la risoluzione di eventuali criticità.

Data la natura di questo progetto la compagine non sarà formata unicamente da tecnici e avrà carattere internazionale. All'interno di essa traveranno spazio anche due nostri connazionali: Luciano Floridi, filosofo e docente presso la University of Oxford, e Alessadro Acquisti ricercatore in tema di privacy e docente della Carnegie Mellon University di Pittsburgh.

Continua dopo la pubblicità...

L'intenzione di Google è quella di evitare eventuali comportamenti imprevisti e scorretti da parte delle AI, soprattutto in considerazione del fatto che in futuro soluzioni per il riconoscimento facciale e algoritmi di Machine Learning saranno chiamati sempre più spesso a prendere decisioni immediate, sostituendo gli essere umani.

Mountain View desidera che i membri dell'ATEAC concepiscano dei nuovi standard che siano validi per tutte le aziende High Tech e le organizzazioni coinvolte nell'implementazione dell'AI. Per questo motivo la task force avrebbe già programmato di tenere 4 riunioni durante le quali verranno prodotti dei documenti che diventeranno pubblici.

La creazione di questo gruppo di lavoro rappresenta una risposta di Google alle numerose critiche ricevute in seguito alla collaborazione con il Dipartimento della Difesa statunitense nel cosiddetto Project Maven. Nei giorni scorsi la compagnia ha rinunciato per esempio alla creazione di un'infrastruttura Cloud per il Pentagono (JEDI, Joint Enterprise Defense Infrastructure).

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.