Google e quel progetto così simile a Periscope

Google e quel progetto così simile a Periscope

Periscope è divenuta rapidamente un'applicazione particolarmente nota e diffusa presso gli utilizzatori di dispositivi mobili; creata dagli sviluppatori di Twitter, essa consente di realizzare degli streaming video da lanciare in tempo reale sfruttando la fotocamera del proprio smartphone; ad oggi si tratta di una soluzione dedicata ad iOS ma presto dovrebbe sbarcare anche su Android.

Secondo alcune indiscrezioni recentemente circolate, anche Mountain View avrebbe avuto intenzione di realizzare un software simile, l'implementazione di quest'ultimo sarebbe dovuta essere affidata ai developers che si occupano di un altro servizio incentrato sullo streaming dei filmati, la piattaforma YouTube che è di proprietà di Big G.

Continua dopo la pubblicità...

Tale progetto sarebbe però rimasto un concept, questo per via del fatto che il gruppo oggi capitanato da Larry Page era allora "distratto" da alcune incombenze, prime tra tutte la diatriba legale che vedeva Google contrapposta alla Viacom riguardo alle responsabilità per gli uopload di contenuti protetti da diritto d'autore effettuati dagli utenti.

Un altro motivo per il quale il "Periscope" di Mountain View non sarebbe stato mai realizzato, dovrebbe essere identificabile nel fatto che in quel tempo i suoi sviluppatori erano impegnati nella realizzazione del sistema denominato Content ID, una tecnologia attualmente impiegata per individuare i video protetti da copyright.

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, Google avrebbe pensato di creare una soluzione simile a Periscope quando la compagnia non aveva intenzione di investire né il tempo né le risorse per svilupparla; l'idea potrebbe essere prima o poi ripresa, ma un'alternativa di Google per il live streaming arriverebbe comunque in ritardo rispetto ad altre App dello stesso tipo.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.