Lockdown ed effetti sulle abitudini in Rete

Lockdown ed effetti sulle abitudini in Rete

In che modo gli Italiani stanno passando il loro tempo su Internet ora che in larga parte sono costretti a lavorare da casa o anche solo a rimanere chiusi nelle proprie abitazioni? Come stanno cambiando le loro abitudini online? I ricercatori di Gfk hanno cercato di dare una risposta a queste domande analizzando i dati di traffico del periodo compreso tra il 21 febbraio e il 22 marzo 2020.

Stando ai risultati della rilevazione il tempo passato a navigare sul Web avrebbe registrato mediamente un incremento pari al 17%, mentre la frequantazione delle piattaforme dedicate all'informazione sarebbe aumentata del 45%. Da segnalare anche un'impennata del traffico sui negozi di e-commerce causata da ragioni facilmente comprensibili.

Continua dopo la pubblicità...

Relativamente al commercio elettronico è particolarmente interessante il dato secondo cui le pagine Web della grande distribuzione avrebbero visto più che raddoppiare il tempo passato dagli utenti a visualizzare i prodotti in catalogo e a ordinarli per la consegna a domicilio (+124%), nel contempo si sarebbero miltiplicati gli annunci pubblicitari legati a questo settore.

La frequentazione dei social network avrebbe poi registrato un incremento del 31%, tendenza ovviamente comprensibile data l'impossibilità di gestire in altro modo le relazioni sociali con i propri conoscenti. Da segnalare anche l'aumento del tempo medio passato a visualizzare contenuti audio/video in streaming (+13%) e a utilizzare piattaforme per il videogaming (+9%).

Il lockdown avrebbe poi riportato in auge uno strumento ultimamente marginalizzato proprio dalla diffusione di connessioni veloci alla Rete: la televisione. A tal proposito basterebbe citare il dato secondo cui nel periodo considerato il tempo speso ogni giorno per la fruizione di trasmissioni sul Digitale Terrestre sarebbe aumentato mediamente del 19%.

odo gli Italiani stanno passando il loro tempo su Internet ora che in larga parte sono costretti a lavorare da casa o anche solo a rimanere chiusi nelle proprie abitazioni? Come stanno cambiando le loro abitudini online? I ricercatori di Gfk hanno cercato di dare una risposta a queste domande analizzando i dati di traffico del periodo compreso tra il 21 febbraio e il 22 marzo 2020.

Stando ai risultati della rilevazione il tempo passato a navigare sul Web avrebbe registrato mediamente un incremento pari al 17%, mentre la frequantazione delle piattaforme dedicate all'informazione sarebbe aumentata del 45%. Da segnalare anche un'impennata del traffico sui negozi di e-commerce causata da ragioni facilmente comprensibili.

Relativamente al commercio elettronico è particolarmente interessante il dato secondo cui le pagine Web della grande distribuzione avrebbero visto più che raddoppiare il tempo passato dagli utenti a visualizzare i prodotti in catalogo e a ordinarli per la consegna a domicilio (+124%), nel contempo si sarebbero miltiplicati gli annunci pubblicitari legati a questo settore.

La frequentazione dei social network avrebbe poi registrato un incremento del 31%, tendenza ovviamente comprensibile data l'impossibilità di gestire in altro modo le relazioni sociali con i propri conoscenti. Da segnalare anche l'aumento del tempo medio passato a visualizzare contenuti audio/video in streaming (+13%) e a utilizzare piattaforme per il videogaming (+9%).

Il lockdown avrebbe poi riportato in auge uno strumento ultimamente marginalizzato proprio dalla diffusione di connessioni veloci alla Rete: la televisione. A tal proposito basterebbe citare il dato secondo cui nel periodo considerato il tempo speso ogni giorno per la fruizione di trasmissioni sul Digitale Terrestre sarebbe aumentato mediamente del 19%.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.