Meta: il metaverso ha 300 mila "abitanti"

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteCovid emergenza infinita: il governo vuole il Green Pass per tutto il 2022?
  • SuccessivoChrome, Firefox e i rischi della versione 100
Meta: il metaverso ha 300 mila "abitanti"

Cambiando il nome della sua creatura in Meta Mark Zuckerberg ha fatto capire quanto il metaverso sarà centrale nelle strategie future dell'azienda. Il progetto è praticamente appena nato ma l'hype sollevato è consistente e già lo spazio virtuale abitato dagli avatar comincia ad ospitare i primi asset tra cui persino zoo, centri commerciali e filiali bancarie.

A quanto ammonta però la popolazione del metavero di quella che era un tempo Facebook? Horizon Worlds, questo il nome del servizio, conterebbe oggi circa 300 mila utenti mensili. Non sono molti ma stando ai dati non sarebbero stati mai così tanti, è inoltre necessario considerare che appena qualche mese fa solo i creator e gli sviluppatori potevano entrare a farne parte.

In sostanza, al momento è ancora troppo presto per parlare di un successo o di un insuccesso, chiaramente vi sono degli elementi di cui tenere conto come la diffusione ancora limitata dei visori per la Realtà Virtuale e il loro costo elevato, così come il fatto che le funzionalità disponibili non sono tantissime e si basano in buona parte sul gaming.

Lo spazio di Horizon Worlds è paragonabile a quello del gaming ma gli avatar possiedo un proprio spazio personale inviolabile

Horizon Worlds non è propriamente un social network in ambito VR, volendo trovare un termine di confronto esso propone un contesto per molti versi simile a quello del gameplay di Minecraft, ma per accedere ad esso è richiesto il possesso di un account Facebook. Anche in questo caso non possiamo parlare di un limite perché quest'ultimo conta circa 3 miliardi di utenti.

Menlo Park sta facendo di tutto per rendere il suo metaverso un mondo ospitale e sicuro, per questo motivo è stato introdotto di recente uno spazio personale minimo inviolabile da parte degli altri utenti (soprattutto per evitare le molestie contro le utilizzatrici) e alcuni esperti partecipano alla vita della piattaforma con il doppio ruolo di tutor e ciceroni.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti