Microsoft crea un chatbot per Bing

Microsoft crea un chatbot per Bing

Come è ormai noto, la Casa di Redmond ha smesso di scommettere sul progetto Cortana e la piattaforma non viene più implementata per l'ecosistema mobile. Il lavoro fatto per la realizzazione delle sue funzionalità non andrà comunque perduto e gli sviluppatori dell'azienda avrebbero intenzione di integrarlo in applicazioni dedicate all'enterprise.

Questo però non significa che Microsoft abbia deciso di abbandonare definitivamente lo sviluppo di soluzioni dedicate all'assistenza virtuale, lo dimostrerebbe l'ultimo progetto correlato al motore di ricerca Bing che presto dovrebbe essere dotato di un apposito chatbot in grado di rispondere alle domande degli utenti tramite il database del servizio.

Tale applicazione sarebbe il risultato di un lavoro iniziato nel 2017 e mirato al training di un'Intelligenza Artificiale a dire il vero non molto dissimile a quella che già animava Cortana, in pratica al momento della ricerca un utente avrà a disposizione sia il tradizionale pulsante caratterizzato da una lente d'ingrandimento e l'opzione denominata "chat".

Cliccando su "chat" si potrà comunicare direttamente con il chatbot che fornirà assistenza e informazioni riguardo all'argomento legato alla query formulata, se per esempio si dovesse effettuare una ricerca dedicata ad una determinata località la piattaforma potrebbe risponderle mettendo a disposizione le indicazioni necessarie per raggiungerla e visitarla.

Continua dopo la pubblicità...

Ad oggi il chatbot di Bing sarebbe ancora in fase di sperimentazione e potrebbe passare ancora diverso tempo prima di una sua effettiva integrazione con i servizi di Microsoft dedicati al segmento consumer, tra i vantaggi di un suo roll-out vi potrebbe essere per esempio la possibilità di utilizzare un assistente virtuale senza dover installare un'applicazione dedicata.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.