Quando l'open è meglio del closed (e quando no)

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook blocca l'App Social Roulette
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Quando l'open è meglio del closed (e quando no)

I risultati contenuti in un rapporto recentemente stilato da Coverity in collaborazione il DHS (Department of Homeland Security) avrebbe evidenziato una particolare relazione tra quantità di codice sorgente nei software, qualità di quest'ultimo e licenza di rilascio.

In pratica, le applicazioni di piccole e medie dimensioni associate ad una licenza Open Source presenterebbero un sorgente di qualità superiore rispetto alle analoghe proposte di tipo commerciale, questo dato verrebbe però rovesciato nel caso in cui il codice superi il milione di linee.

Per effettuare le necessarie verifiche sarebbe stata impiegata una procedura molto simile a quella utilizzata dagli sviluppatori per il debugging, per cui gli analisti avrebbero spulciato i sorgenti alla ricerca di errori e porzioni di codice in grado di generare malfunzionamenti.

Secondo il report presentato, i software liberi compresi fra 500 mila e 1 milione di linee di codice registrerebbero in media 0,44 difetti per mille linee, mentre le applicazioni proprietarie ne avrebbero 0,98 ogni mille; oltre il milione di linee i sorgenti i prodotti Open presenterebbero 0,75 difetti per mille linee contro 0,66 su mille dei Closed Source.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.