TikTok: nuove regole per la pubblicità

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle Analytics è "illegale" in Italia. Decisione shock del garante della Privacy!
  • SuccessivoMicrosoft Editor è anche per Oulook
TikTok: nuove regole per la pubblicità

ByteDance, la società con sede a Pechino che fa capo al social network TikTok, avrebbe deciso di adeguare la sua gestione degli annunci pubblicitari e delle promozioni nella piattaforma dopo essersi confrontata sia come la Commissione Europea che con le autorità per la tutela dei consumatori di varie nazioni del Vecchio Continente.

Per TikTok si tratta di un passaggio fondamentale perché si tratta di un servizio indirizzato soprattutto ai giovanissimi ed eventuali violazioni delle normative vigenti potrebbero portare a sanzioni anche particolamente elevate. Le iniziative più recenti in questo senso prenderebbero il via da una segnalazione effettuata nel 2021 dal BEUC (Bureau Européen des Unions de Consommateurs).

Secondo l'organizzazione europea dei consumatori infatti in TikTok sarebbero stati pubblicati degli annunci pubblicitari nascosti e dei contenuti non appropriati ad un'utenza composta in buona parte da minori, a tale preoccupazione ByteDance avrebbe risposto innanzitutto permettendo di segnalare l'adverting mirato alla persuasione di target che dovrebbero essere invece protetti.

I video dei principali influencer su TikTok verranno sottoposti a verifica prima di essere pubblicati

Ad essere particolarmente interessante è poi il fatto che l'attività di monitoraggio interna sui contenuti verrà effettuata tenendo conto dell'importanza degli influencer coinvolti, per questo motivo i video di coloro che vantano più di 10 mila follower saranno sottoposti ad analisi prima che vengano pubblicati e risultino visibili agli utenti.

Non si potranno pubblicizzare prodotti a base di tabacco, alcolici o servizi per il gioco d'azzardo, gli annunci pubblicitari a pagamento dovranno essere etichettati in modo da renderli facilmente riconoscibili e si avrà la possibilità di segnalare i contenuti associati a dei brand (ad esempio tramite degli hashtag) senza un'indicazione chiara dell'intento pubblicitario.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti