Twitter raddopia i caratteri

Twitter raddopia i caratteri

Gli sviluppatori del Sito Cinguettante avrebbero dato vita ad una sperimentazione durante la quale alcuni utenti selezionati potranno testare la possibilità di pubblicare tweets della lunghezza di 280 caratteri. La notizia non è priva di rilevanza se si considera il fatto che fino ad oggi Twitter aveva cercato in ogni modo di salvaguardare il limite dei 140 caratteri.

La nuova impostazione dovrebbe funzionare in questo modo: gli utenti continueranno a visualizzare in timeline micropost della lunghezza di 140 caratteri, ma se un tweet dovesse essere più lungo si potrà cliccare su di esso per leggerne la versione integrale. In questo modo sarà anche più facile verificare l'interesse del pubblico per un argomento.

Fino ad oggi diversi utenti si erano dichiarati contrari all'estensione del limite di caratteri per i tweets, ma la casa madre avrebbe giustificato la scelta di superarlo facendo riferimento alle differeze linguistiche. Queste ultime infatti permetterebbero ad alcuni iscritti di esprimere brevemente il loro pensiero mentre ne penalizzerebbero altri.

Per fare un esempio, basti pensare ad una lingua come l'Italiano la cui sintassi prevede periodi anche molto lunghi per rendere comprensibile una condivisione; stesso discorso per altri idiomi come il Francese o lo Spagnolo. Ad un utente giapponese bastano invece pochi caratteri per esprimere un pensiero compiuto.

Continua dopo la pubblicità...

Questa la spiegazione ufficiale, ma appare chiaro come Twitter sia alla ricerca di nuove modalità per estendere la propria platea di utilizzatori. Da tempo infatti la piattaforma sta registrando delle difficolta per quanto riguarda la crescita degli iscritti, questo mentre un concorrente come Facebook conta ormai più di 2 miliardi di utenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.