Vodafone lancia "What will you be?" per 10 milioni di lavoratori del futuro

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook e Cambridge Analytica: il mea culpa di Zuckerberg
  • SuccessivoIl dominio Volunia.it è in vendita
Vodafone lancia "What will you be?" per 10 milioni di lavoratori del futuro

"What will you be?" è il nome di un'iniziativa di Vodafone che mira a coinvolgere ben 10 milioni di giovani in 18 diversi paesi del Mondo. Si tratta di uno dei più vasti programmi internazionali dedicati alle professioni del futuro mai promossi da un'azienda privata, l'obbiettivo è quello di aiutare gli appartenenti alla fascia di età tra i 18 e i 24 anni a trovare impiego nei settori più innovativi.

Vodafone avrebbe deciso di promuovere "What will you be?" in seguito allo studio dei dati raccolti durante una rilevazione dalla quale sarebbe emerso che i cosiddetti "nativi digitali", quelli potenzialmente più interessati alle nuove professioni, non sentirebbero di possedere le giuste competenze per trovare lavoro in comparti fortemente digitalizzati.

Continua dopo la pubblicità...

Per questo motivo è stata creata "Future Jobs Finder", una piattaforma di orientamento che grazie al contributo di professionisti della formazione, psicologi e consulenti del lavoro vuole rappresentare un punto di riferimento per tutti i giovani potenzialmente interessati a lavorare in settori collegati alla Digital Economy.

Una volta avuto accesso al servizio gli interessati potranno eseguire dei test grazie ai quali sarà più semplice individuarne gli interessi e indirizzarli verso i comparti maggiormente adatti alle loro attitudini. Fatto questo verranno proposte opportunità di lavoro "su misura" e possibilità di accrescere le proprie competenze tramite la formazione digitale.

Tra le altre iniziative previste da Vodafone nel quadro di "What will you be?" vi è anche un impegno diretto nell'offrire opportunità di effettuare esperienze lavorative in azienda. Da qui ai prossimi 5 anni il gruppo avrebbe quindi intenzione di coinvolgere oltre 100 mila giovani under 25 tra neolaureati, stagisti e apprendisti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.