Windows 11, presto i widget di terze parti

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteMessenger e Instagram: il Regno Unito contro la crittografia
  • SuccessivoMicrosoft: quasi 70 miliardi per Activision Blizzard
Windows 11, presto i widget di terze parti

Una delle maggiori novità di Windows 11, se così si può dire, riguarda la reintroduzione dei widget. Un progetto che nelle intenzioni della Casa di Redmond avrebbe dovuto portare gli sviluppatori di terze parti a contribuire maggiormente al miglioramento dell'interfaccia e delle funzionalità messe a disposizione dal "nuovo" sistema operativo.

Windows 11 è stato però rilasciato il 5 ottobre 2021 come aggiornamento gratuito di Windows 10 e dopo una presentazione avvenuta nel giugno dello scorso anno, fino ad ora gli unici widget accessibili tramite la piattaforma sono stati quelli forniti dalla stessa Microsoft sotto forma di piccole finestre informative dedicate a una ristretta cerchia di argomenti.

Tale situazione potrebbe invece cambiare con il rilascio del prossimo aggiornamento cumulativo, nome in codice Sun Valley 2, che se tutto dovesse andare come previsto potrebbe essere installabile entro la seconda parte del 2022. In esso infatti sarebbe stato implementato il supporto per i widget di terze parti e la loro integrazione nel sistema.

A suggerire questa novità sembrerebbe essere una modifica contenuta in una rivisitazione delle clausole contenute nelle policy per gli sviluppatori che creano soluzioni dedicate al Windows Store. Naturalmente si tratta di una conferma parziale e niente vieta a Microsoft di introdurre questa feature prima che Sun Valley 2 diventi effettivamente disponibile.

Perché degli sviluppatori esterni e le software house possano realizzare i propri widget per Windows 11 sarà necessario che la compagnia capitanata da Satya Nadella fornisca le API (Application Programming Interface) legate al servizio, fatto questo l'OS potrebbe consentire livelli di personalizzazione molto più elevati rispetto a quelli attuali.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti