Per il 44% degli Italiani Internet è un diritto

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteCongedo di paternità per Mark Zuckerberg
  • SuccessivoGoogle: in aumento le richieste di rimozione dei link
Per il 44% degli Italiani Internet è un diritto

Secondo i risultati di una recente rilevazione operata dai ricercatori della Swg, per il 44% dei nostri connazionali l'accesso alla Rete dovrebbe essere considerato un diritto irrinunciabile di cittadinanza, paragonabile alla possibilità di fruire di servizi essenziali come per esempio l'acqua corrente, il gas e la luce elettrica.

Se per il 41% degli intervistati Internet rappresenterebbe uno strumento in grado di migliorare anche notevolmente la qualità della vita di chi lo utilizza, ben il 51% del campione coinvolto avrebbe riconosciuto il suo ruolo ormai indispensabile nel migliorare l'economia, la vita sociale e culturale di un'intera comunità nazionale.

Continua dopo la pubblicità...

A quelle che però sembrerebbero essere più che altro delle convinzioni personali legate al merito della questione, farebbero da contraltare alcuni dati sostanzialmente meno incoraggianti, come per esempio quello che vedrebbe circa il 40% degli Italiani non aver avuto alcuna frequentazione della Rete nel corso dell'ultimo trimestre.

A ciò andrebbe aggiunto che il 14% delle persone contattate per la ricerca si sarebbe definito praticamente incompetente riguardo al mezzo, il 35% avrebbe rivelato di non conoscere il Web a sufficienza per poterlo utilizzare al meglio e il 41% penserebbe di non possedere le nozioni necessarie per una navigazione efficace e sicura.

Il 30% degli abitanti della Penisola si riterrebbe favorevole all'impiego delle lavagne digitali e dei tablet Pc nella didattica e nella formazione, mentre il 29% giudicherebbe Internet un'occasione per la creazione di nuovi posti di lavoro. Troppi gli Italiani che ancora oggi preferirebbero l'utilizzo del formato cartaceo a quello del digitale per la documentazione ufficiale.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.