Il 60% del Mondo è off-line

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteBig G ricompatta le sedi europee
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

Come è noto Internet.org è il nome di un progetto fortemente voluto dal CEO di Menlo Park, Mark Zuckerberg, il cui scopo dovrebbe essere in pratica quello di portare la connettività alla Rete anche nelle zone del Mondo dotate di scarse o inadeguate infrastrutture tecniche e caratterizzate da pesanti problematiche economico sociali.

Secondo i dati raccolti di recente dagli analisti di tale fondazione, attualmente circa 3 miliardi di persone in tutto il Pianeta godrebbero di un accesso (più o meno) libero al Web e alle risorse messe a disposizione da quest'ultimo, per il resto saremmo ancora davanti ad un gigantesco fenomeno di Digital Divide.

In sostanza, ad oggi circa il 78% della popolazione dei paesi sviluppati sarebbe connessa alla Rete, per contro la popolazione connessa nelle zone sottosviluppate si attesterebbe sui 32 punti percentuali; nel complesso però ben il 94% di coloro che non hanno la possibilità di accedere ad Internet risiederebbe in questi ultimi.

Tanto per avere una misura delle differenze tra le due realtà citate, basti pensare che in paesi economicamente avanzati come gli USA e la Germania il tasso di connettività arriverebbe a circa l'84% sul totale della popolazione; in nazioni come l'Etiopia e il Myanmar tale tasso non supererebbe invece i 2 punti percentuali.

Continua dopo la pubblicità...

Attualmente oltre il 90% del pianeta sarebbe raggiunto dal segnale mobile, ciò in pratica dimostrerebbe come alla base del Digital Divide mondiale non vi sarebbe un problema di copertura, ma soltanto il 50% della popolazione globale sarebbe in grado di pagare regolarmente un abbonamento a pacchetti dati da 250 Mb/mese.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.