Amazon: Fraud Detector contro le frodi

Amazon: Fraud Detector contro le frodi

Fraud Detector è il nome di un nuovo strumento basato sul Machine Learning e creato dagli sviluppatori di Amazon per il contrasto ad attività malevole che hanno come obbiettivo i pagamenti degli utenti e gli account degli operatori, la piattaforma è attualmente in fase di anteprima ed è possibile testarla registrandosi al programma Amazon Fraud Detector Preview.

Non si tratta di un servizio gratuito ma l'offerta prevede un periodo di prova della durata di 2 mesi, chi dovesse optare per l'acquisto non sarà tenuto a versare alcun anticipo né a corrispondere alcun canone mensile, Jeff Bezos propongono infatti una tariffazione a consumo e gli utilizzatori dovranno pagare soltanto le risorse effettivamente impiegate.

Continua dopo la pubblicità...

Per il suo funzionamento Fraud Detector sfrutta gli stessi dati delle aziende partner con lo scopo rilevare con precisione eventuali anomalie, il già citato Machine Learning contribuisce infine a identificare in modo completamente automatico le attività online potenzialmente fraudolenta e consente di bloccare più velocemente i tentativi di frode.

Il servizio è in grado di operare distinzioni tra registrazioni di account clienti legittimi e ad alto rischio, di individuare i potenziali truffatori anche tra i clienti che non hanno maturato una cronologia di transazioni, di rilevare gli account che con più probabilità abuseranno dei programmi "prova prima di acquistare" e, a breve, potrà ridurre le frodi legate ai pagamenti online segnalando le transazioni sospette prima di elaborarle e di evadere gli ordini.

Fraud Detector, che è una piattaforma Cloud basata sullo storage service di Amazon S3, opera associando un livello di rischio ai possibili tentativi di frode. Il livello varia sulla base di un punteggio da 0 a mille e l'utilizzatore avrà la possibilità di bloccare tutte quelle attività che conseguono un punteggio troppo elevato per essere considerate sicure.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.