C'è l'asse USA-Israele dietro Flame?

C'è l'asse USA-Israele dietro Flame?

Flame, ilmalware più pericoloso tra quelli identificati nel corso degli ultimi anni, sarebbe il prodotto di una collaborazione tra gli esperti informatici militari degli USA e quelli di Israele; a rivelarlo sarebbe stato un ex soldato statunitense durante un'intervista al Washington Post.

L'obiettivo di questo progetto comune tra i Cyber Warriors dei due stati sarebbero stati i sistemi informatici di un avversario comune, l'Iran; Flame sarebbe stato concepito per mascherarsi da aggiornamento di Windows in modo da passare inosservato.

Continua dopo la pubblicità...

Flame avrebbe agito per lungo tempo inviando informazioni riservate al controspionaggio di Washington e Tel Aviv cancellando poi le sue tracce in modo da non essere rilevato; tutto questo fino ad un intervento da parte dei tecnici di Kaspersky.

Il malware avrebbe origini comuni con un'altra minaccia nota, Stuxnet, anche quest'ultima infatti sarebbe stata progettata e realizzata grazie al contributo dagli informatici in forza alla CIA (Central Intelligence Agency) e all'NSA (National Security Agency).

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.