Il canone RAI diventa "tassa sui media"?

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook introduce gli embedded post
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

Secondo quanto dichiarato dal sottosegretario allo Sviluppo Economico Antonio Catricalà nel corso di un'audizione in commissione di Vigilanza RAI, l'Europa starebbe abbandonando definitivamente il concetto di "canone" per privilegiare un'imposta di tipo generale sui media.

In sostanza, il discorso del vice ministro partirebbe dall'assunto che il famigerato canone RAI subirebbe ad oggi un'evasione troppo diffusa, per cui sarebbe più razionale puntare su una tassa che tutte le famiglie italiane dovrebbero obbligatoriamente pagare a prescindere dal dispositivo utilizzato.

L'idea sarebbe in pratica quella di eliminare il classico "bollettino" per il pagamento del canone RAI in favore di un contributo che dovrebbe essere pagato direttamente tramite il conto elettricità o inserito nell'attuale denuncia dei redditi.

In ogni caso, Catricalà avrebbe voluto specificare che, per il momento, l'unico canale istituzionale per il finanziamento della televisione pubblica è e rimane il canone RAI; tutte le altre ipotesi dovranno essere discusse approfonditamente prima di essere approvate.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.