Chip shortage, le previsioni per il 2022

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteCybersecurity: cresce il numero e il costo degli insider threat
  • Successivo Server aziendali: vendite in calo ma non in Italia
Chip shortage, le previsioni per il 2022

Il fenomeno del chip shortage è ormai una realtà da alcuni anni, durante la fase più accesa dell'emergenza pandemica molte aziende hanno diminuito infatti la loro domanda di semiconduttori lasciando spazio alle commesse provenienti da altri settori (come quello dei dispositivi medicali) e, una volta iniziata la ripresa, queste ultime hanno continuato ad avere priorità.

Il risultato di questo riassetto del mercato è stata la penuria di componenti per diversi comparti, come per esempio l'automotive e il mobile. Diverse aree, tra cui l'Europa, si stanno localizzando per contrastare la concentrazione della produzione in poche regioni del mondo, si pensi per esempio a Taiwan, ma in molti si chiedono quanto durerà questo momento di crisi.

La scarsità di semiconduttori limiterà l'offerta di prodotti finiti anche nel 2022

A rispondere a questo interrogativo sono stati nelle scorse ore alcuni portavoce della Logitech secondo cui il chip shortage sarebbe ben lontano dall'arrivare alla sua fase conclusiva. A parere di Bracken Darrell, CEO della compagnia svizzera, la mancanza di chip si farà sentire anche nel corso dell'anno corrente che comunque registrerà dei miglioramenti.

Per il momento non sarebbe quindi possibile formulare delle tempistiche precise riguardo alla fine di un fenomeno per molti versi inedito quanto la situazione che lo ha causato, per il momento è prevedibile che ancora per diversi mesi l'offerta di vari prodotti (automobili, smartphone, console videoludiche, controller) sarà ulteriormente limitata.

Per un ritorno alla normalità si dovrà quindi attendere la costruzione di nuovi stabilimenti per la produzione dei semiconduttori, a tal proposito Intel si starebbe impegnando nell'edificazione di due nuovi centri situati in Ohio con un investimento pari a 20 miliardi di dollari e la creazione di 2 mila nuovi posti di lavoro di cui 3 mila dipendenti della stessa azienda.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti