La Cina blocca (tutta) Wikipedia

La Cina blocca (tutta) Wikipedia

L'OONI (Open Observatory of Network Interference) avrebbe recentemente confermato che nessuna versione dell'enciclopedia online Wikipedia sarebbe attualmente accessibile dalla Cina. La piattaforma sarebbe stata completamente oscurata in seguito all'introduzione di un blocco entrato in vigore per volontà delle autorità locali.

Tale notizia non arriverebbe del tutto in attesa, si ricordi infatti che la versione cinese del servizio (da noi visitabile senza alcun problema all'indirizzo "zh.wikipedia.org"), ha subito il medesimo destino nel corso del maggio 2015. Da allora nessun cittadino cinese può visitare le pagine del progetto scritte nella propria lingua.

Continua dopo la pubblicità...

Ora la censura sarebbe stata estesa a qualsiasi altra localizzazione, coinvolgendo in pratica tutti i sottodomini ".wikipedia.org" attravero cui è possibile consultare l'enciclopedia. Stando a quanto dichiarato dai portavoce di Wikimedia, tale operazione sarebbe stata effettuata senza che la fondazione ricevesse alcuna comunicazione in proposito.

Wikimedia avrebbe comunque confermato quanto riportato dall'Osservatorio, sottolineando che stando ai suoi dati di traffico le connessioni dalla Cina sarebbero praticamente cessate a partire dallo scorso aprile. Altre fonti indicherebbero nel 23 aprile la data a partire dalla quale sarebbe stato introdotto il blocco per impedire l'accesso ai contenuti.

Da parte sua la Cyberspace Administration of China, sostanzialmente l'agenzia che si occupa di regolamentare la fruizione della Rete nel paese asiatico, non avrebbe comunicato alcunché a riguardo. E' comunque probabile che la censura si sia attivata preventivamente considerando che in giugno saranno passati 30 anni dalle note proteste che ebbero luogo in piazza Tienanmen.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.