I colossi del Web si uniscono contro il terrorismo

"Global Internet Forum to Counter Terrorism" è il nome di un'iniziativa che vede coinvolte Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube decise a dare il loro contributo nella lotta contro il terrorismo. Il forum semplificherà la collaborazione tra le aziende e rappresenterà anche uno spazio aperto per la partecipazione da parte di istituzione e altre organizzazioni.

Al centro dell'iniziativa vi è in particolare la gestione dei contenuti, i colossi del Web che hanno aderito al progetto potranno quindi condividere esperienze e tecnologie maturate nel campo della rimozione di testi, filmati, immagini e audio riconducibili alla propaganda delle organizzazioni terroristiche in Rete e ai loro sostenitori.

L'Intelligenza Artificiale e il machine learning saranno gli strumenti sui quali verrà concentrato il focus delle attività promosse dal forum, le soluzioni per individuare e rendere indisponibili contenuti confezionati per l'incitamento all'odio e l'appoggio ad azioni criminali dovranno essere costantemente migliorate per limitare l'azione dell'ISIS o compagini simili.

Le iniziative del forum saranno pubbliche e comprenderanno anche dei workshop appositamente dedicati agli strumenti per combattere il terrorismo online, a tale scopo è stata avviata una partnership con il comitato anti-terrorismo delle Nazioni Unite che fornirà competenze acquisendone nel contempo di nuove.

Continua dopo la pubblicità...

Le compagnie che hanno aderito al forum starebbero agendo in risposta alle pressioni provenienti delle istituzioni europee, da tempo infatti i governi di diversi Paesi invitano le maggiori realtà del Web ad una partecipazione attiva contro il Terrore, richiedendo loro soprattutto una vigilanza continua sui contenuti accessibili via Internet.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.