E-commerce: collaborazione istituzionale con Alibaba

E-commerce: collaborazione istituzionale con Alibaba

Il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio ha recentemente annunciato una collaborazione con il colosso del commercio elettronico cinese Alibaba con lo scopo di favorire la commercializzazione online dei prodotti Made in Italy sul mercato asiatico. Nello specifico la piattaforma ospiterà una sezione appositamente dedicata all'enogastronomia del nostro Paese.

Non si tratterebbe di un semplice auspicio, il dicastero guidato da Centinaio avrebbe infatti già preso accordi con i responsabili dell'e-commerce creato da Jack Ma e l'ufficializzazione dell'iniziativa dovrebbe arrivare in concomitanza con la prossima visita istituzionale del ministro di area leghista a Pechino, quando si procederà con le firme dei contratti.

Continua dopo la pubblicità...

La partnership con Alibaba dovrebbe precedere quella con altre importanti realtà delle vendite online a livello internazionale come per esempio Amazon. L'obbiettivo del progetto non sarebbe soltanto quello di incrementare il giro d'affari delle aziende nostrane, ma anche quello di combattere attivamente il fenomeno della contraffazione.

Ad oggi il comparto enogastronomico della Penisola pagherebbe ancora un evidente ritardo nel proporsi tramite le piattaforme di commercio elettronico, basti pensare che la sua produzione vinicola è superiore a quella di qualsiasi altro stato europeo, nel contempo però i competitor di altri stati riuscirebbero a sviluppare un volume di vendite ben superiore in Rete.

Non è la prima volta che Alibaba viene coinvolta in un progetto che riguarda l'e-commerce di prodotti italiani, a questo proposito è possibile citare la creazione dell'hub virtuale HelloITA curato dall'Agenzia Ice con lo scopo di promuovere l'export del Belpaese, in particolare a favore dei settori della moda, dell'agroalimentare e del design.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.