Conte: Internet deve essere un diritto costituzionale

  • ForumDiscuti sul forum
  • Precedente UE: posizione dominante per Facebook Marketplace?
  • SuccessivoSmart working in azienda anche dopo l'emergenza
Conte: Internet deve essere un diritto costituzionale

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha approfittato della conferenza stampa in cui venivano presentati il DDL Scuola e gli interventi finanziati del Governo a supporto delle imprese per esprimere quella che è la sua opinione sul garantire l'accesso a Internet come diritto costituzionale, soprattutto in un momento in cui la Rete rappresenta il media più importante per la partecipazione democratica.

A parere di Conte il diritto dei cittadini ad utilizzare Internet rientrerebbe pienamente in quanto previsto dall'articolo 3 della Costituzione in cui viene richiesto che la Repubblica rimuova tutti gli ostacoli di ordine anche economico che impediscono lo sviluppo della persona umana e la sua partecipazione all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Continua dopo la pubblicità...

A tal proposito è utile ricordare che la Penisola si è già dotata di una Dichiarazione dei diritti di Internet, resa pubblica nel 2015 da una commissione allora presieduta dal giurista Stefano Rodotà, nella quale si specifica che chiunque ha il medesimo diritto di accedere al Web in condizioni di parità e con modalità che rimuovano gli ostacoli di ordine economico e sociale in grado di limitare tale diritto.

Nella stessa dichiarazione viene precisato che il dovere di creare le condizioni perché il diritto a Internet possa essere esercitato universalmente devono essere create grazie ad un intervento istituzionale, in sostanza dovrebbe essere lo Stato a sanare tutte quelle situazioni in cui il Digital Divide impedisce a determinate fasce della popolazione di accedere alla Rete

In egual modo l'Unione Europea ha dato il suo contributo a un esercizio più diffuso del diritto di accesso al Web nel 2016, tramite l'eliminazione della tariffazione per il roaming all'interno degli stati membri. Nel caso specifico però non si può parlare tanto di un diritto universale, comunque non escluso, ma di un servizio disponibile ad una platea più ampia di utilizzatori.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.