Il Coronavirus favorisce il mercato dell'IT italiano

Il Coronavirus favorisce il mercato dell'IT italiano

Stando ai dati resi noti dai ricercatori di Context, il mercato dell'IT in Italia starebbe registrando un forte incremento per molti versi motivato dalla recente epidemia di Coronavirus (COVID-19) e dalla conseguente ricerca di soluzioni e dispositivi per lo smart working. Soltanto nel mese di febbraio la crescita sarebbe stata pari al 16% su base annua.

Ad aumentare sarebbero state soprattutto le richieste di applicazioni e device abilitanti il lavoro agile e la formazioni necessaria per attivare quest'ultimo, a tal proposito basterebbe citare il mercato di cuffie e microfoni con un incremento pari al 362% rispetto allo stesso periodo del 2019. Soltanto nel corso dell'ultima settimana la crescita sarebbe stata di quasi il 50%.

Continua dopo la pubblicità...

Tra le altre voci di spesa interessate da questo considerevole incremento troviamo anche le applicazioni per il Development (+89.3%), le soluzioni per la Cybersecurity (38.8%), le suite per la produttività in ufficio (60.5%), i laptop (36.5%), i tablet PC (41.3%), le cartucce di inchiostro per le stampanti (8%) e le memorie SSD (32%).

Questa tendenza avrebbe favorito in particolare le grandi catene commerciali per le quali la crescita nel corso della seconda settimana di febbraio avrebbe superato il 72%, importanti anche i risultati ottenuti dai retailer meno strutturati con un +30.9%. E' comunque importante sottolineare che tale trend non potrà essere sostenuto nel lungo periodo.

I primi segnali di rallentamento sarebbero infatti già visibili. Volendo analizzare anche in questo caso il particolare segmento a cui appartengono cuffie e microfoni si noterebbe come a una crescita di ben 282 punti percentuali della quarta settimana di febbraio sarebbe seguito un incremento di appena l'1.5% della settimana successiva.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.