Crowdinvesting: in Italia domina il lending crowdfunding

Crowdinvesting: in Italia domina il lending crowdfunding

Stando a quanto riportato dal quinto Report italiano sul Crowdinvesting realizzato dall'Osservatorio sul tema della School of Management del Politecnico di Milano, i fondi erogati nella Penisola a fine giugno 2020 sarebbero stati pari a ben 908 milioni di euro contro i 517 milioni di euro relativi allo stesso periodo dello scorso anno.

A dominare sarebbero gli investimenti in lending crowdfunding, modalità che distribuisce i fondi ai soggetti creditori suddividendo rischio e rendimento, in questo caso infatti la raccolta sarebbe stata pari a 749 milioni di euro (erano appena 435 nel 2019) di cui 410 milioni in prestiti a persone fisiche e i restanti 339 alle imprese.

Meno ingenti, almeno per il momento, i capitali destinati all'equity crowdfunding, cioè finalizzato a capitalizzare il rendimento tramite una singola operazione finanziaria. Quest'ultimo avrebbe attratto investimenti per 159 milioni di euro, quasi il doppio rispetto agli 82 milioni dello scorso anno che a sua volta aveva moltiplicato per 2 quanto raccolto nel 2018.

Per quanto riguarda la distribuzione geografica del Crowdinvesting, ad attrarre la maggior parte dei capitali sarebbe state le aziende della Lombardia, del Lazio e dell'Emilia Romagna. Nel 58% dei casi sarebbero state favorite le startup innovative, più marginale la quota delle PMI innovative con 13 punti percentuali sul totale raccolto.

Continua dopo la pubblicità...

Relativamente alla spesa dei capitali investiti, il 49% verrebbe destinato al rafforzamento del brand e in generale alle attività di marketing, mentre il 30% all'implementazione di piattaforme informatiche e per la comunicazione. Da segnalare una quota non irrilevante, pari al 16%, relativa a obbiettivi non esplicitamente dichiarati.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.