La cultura della sicurezza nelle aziende europee

La cultura della sicurezza nelle aziende europee

Secondo un sondaggio condotto dai ricercatori di Eurostat il 93% delle aziende con sede nei Paesi dell'Unione Europea e con 10 o più addetti avrebbe adottato almeno una contromisura, dei controlli o un task di sicurezza con l'obbiettivo di salvaguardare i dati gestiti e i propri sistemi informatici. Tale percentuale salirebbe al 99% nel caso di imprese con oltre 250 dipendenti.

I risultati della rilevazione si riferiscono allo scorso anno e sono stati raccolti nel corso di uno studio dedicato alla diffusione della digitalizzazione e all'utilizzo del commercio elettronico presso le aziende del Vecchio Continente. Il 34% di queste ultime, quindi poco più di 1 su 3, disporrebbe anche della documentazione completa riguardo alle iniziative intraprese per garantire la Cybersecurity.

Nel corso del sondaggio sarebbe stata osservata una maggiore attenzione alla formazione del personale che, nel 62% dei casi, verrebbe informato riguardo alle procedure obbligatorie per una maggiore sicurezza. A questo scopo sarebbe stato utilizzato in particolare Internet (44%) seguito dalle clausole contenute dai contratti di lavoro (37%) e dai più tradizionali corsi (24%).

Ancora poco diffuse le assicurazioni contro gli incidenti informatici, attivate soltanto dal 24% del campione, ma la percentuale delle imprese che avrebbero affermato di aver subito almeno un incidente informatico nell'anno passato sarebbe comunque relativamente basso (12%). In linea generale la maggior parte degli episodi avrebbe fatto riferimento a malfunzionamenti software o hardware.

Continua dopo la pubblicità...

In generale, dai dati presentati sembrerebbe possibile affermare che le aziende più strutturate siano maggiormente esposte al verificarsi di incidenti inerenti la Cybersecurity, infatti quasi un quarto di queste ultime avrebbe registrato almeno un episodio durante il 2019 contro il 17% delle medie imprese e l'11% delle piccole imprese.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.