Visa acquisisce Plaid per 5.3 miliardi

Visa, uno dei circuiti di carte di credito più diffusi a livello internazionale, avrebbe investito ben 5.3 miliardi di dollari per acquisire la proprietà della californiana Plaid. L'acquisizione sarebbe stata già confermata ufficialmente e motivata con l'esigenza di rafforzare la divisione di Visa che si occupa di implementare soluzioni dedicate alla FinTech.

Gli sviluppatori di Plaid, software house che ha sede nella Silicon Valley, hanno attirato l'attenzione delle grandi aziende grazie alla realizzazione di una piattaforma che consente di connettere i conti correnti bancari con le applicazioni. Tale soluzione viene utilizzata anche da importanti exchange per le cryptovalute come per esempio Coinbase e Gemini.

Curiosamente, tra i primi e maggiori investitori che hanno deciso di scommettere su Plaid troviamo uno dei principali concorrenti di Visa, Mastercard, fra le realtà operanti in ambito finanziario interessate al progetto vi sono stati poi nomi come quelli di banche d'affari quali Citi e Goldman Sachs nonché un altro circuito particolarmente noto: American Express.

Attualmente i conti bancari connessi grazie al supporto offerto dall'infrastruttura tecnica di Plaid sarebbero non meno di 20 milioni, mentre le banche coinvolte sarebbero circa 11 mila. Dopo un breve periodo in cui il gruppo è stato attivo prevalentemente negli Stati Uniti la sua operatività si è estesa anche a Canada, Gran Bretagna, Irlanda, Spagna, Francia e Italia.

Continua dopo la pubblicità...

L'acquisizione sarebbe stata effettuata in seguito ad un'offerta in contanti pari a 4.9 miliardi di dollari e a 400 milioni di dollari sotto forma di capitale differito. Per comprendere quanto Visa creda nel lavoro della nuova sussidiaria basterebbe ricordare che il valore di mercato valutato dagli analisti per quest'ultima si aggirerebbe intorno ai 2.5 miliardi di dollari.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.