Expedia compra HomeAway

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook vale 300 miliardi di dollari
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

L'acquisizione ormai praticamente confermata di HomeAway da parte di Expedia sembrerebbe testimoniare l'intenzione di quest'ultima di sfidare Airbnb sul terreno della ricettività domestica; il gruppo passato sotto il suo controllo rappresenta infatti un'importante realtà per quanto riguarda l'offerta degli affitti sul breve periodo e delle case per le vacanze.

HomeAway è una società statunitense, ha sede legale in Texas, fondata nel 2005; nel corso dell'ultimo decennio questa azienda è riuscita a creare un business in grado di raggiungere ben 190 diversi paesi. Per rilevarne la proprietà i responsabili di Expedia avrebbero formulato una proposta pari a 3.9 miliardi di dollari.

La soluzione per le inserzioni immabiliari proposte dalla compagnia acquisita non sarebbero state realizzate da zero, HomeAway infatti sfrutta un'evoluzione dell'omonima piattaforma per le prenotazioni concepita dagli sviluppatori della Casa di Redmond nel 1996; oggi le localizzazioni del progetto sono decine, tutte divenute parte del network di Expedia.

Quest'ultima è comunque già nota per le numerose fusioni operate in passato, a tal proposito basterebbe pensare a progetti molto popolari come Trivago, Hotels, Hotwire, Travelocity o Orbitz Worldwide che fanno parte integrante della sua infrastruttura Web based. Parliamo di uno dei maggiori colossi al mondo per quanto riguarda l'industria turistica.

Continua dopo la pubblicità...

Commentando la buona riuscita delle contrattazioni, Dara Khosrowshahi, amministratore delegato di Expedia, avrebbe sottolineato l'importanza di poter operare appoggiandosi ad un gruppo come HomeAway che ha dimostrato di sapersi proporre con successo in un settore come quello della ricezione alternativa, in grado di generare un giro d'affari da 100 miliardi di dollari l'anno.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.