Facebook: niente advertising elettorare dal 27 ottobre

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteIntesa San Paolo lancia "Circularity goes digital" a sostegno delle startup digitali
  • SuccessivoGDPR e requisiti per l'accreditamento dei certificatori
Facebook: niente advertising elettorare dal 27 ottobre

Mark Zuckerberg e soci avrebbero deciso di vietare gli annunci pubblicitari di carattere politico a partire dal 27 ottobre 2020 e fino allo svolgimento delle Elezioni Presidenziali che si terranno negli Stati Uniti il 3 novembre. Una settimana di stop durante il quale Facebook non vorrebbe contribuire in alcun modo a rendere pubblici eventuali "colpi bassi" dell'ultima ora tra fazioni avverse.

Diversi analisti hanno criticato l'iniziativa, o perlomeno la sua efficacia, sottolineando che comunque il social network non dovrebbe subire particolari perdite economiche. I budget previsti per le campagne online verranno plausibilmente spesi nelle settimane precedenti e, in ogni caso, è probabile che la stragrande maggioranza degli elettori avrà già deciso su quale candidato puntare prima dello stop.

Continua dopo la pubblicità...

E' stato poi ricordato che altre piattaforme come per esempio Twitter hanno deciso di rinunciare completamente agli utili derivanti dalle campagne elettorali, l'iniziativa di Menlo Park sembrerebbe quindi priva di reali motivazioni se non quelle riferibili alla necessità di mostrarsi quanto più neutrali possibile nei confronti della sfida tra repubblicani e democratici.

Come specificato dallo stesso Zuckerberg, nel caso in cui uno dei due candidati o i loro collaboratori dovessero dichiarare vittoria prima della conclusione degli scrutini Facebook provvederà a collegare tale condivisioni con delle fonti di informazione affidabili che mostreranno indicazioni credibili sull'effettivo andamento di questa fase.

La decisione presa dovrebbe riguardare anche Instagram, si cercherà inoltre di combattere la diffusione di post pubblicati con l'obbiettivo di scoraggiare la partecipazione al voto, a tal proposito presso l'utenza statunitense sarebbero condivisi frequentemente dei post in cui l'esercizio del diritto di voto viene collegato al rischio di contrarre il Coronavirus (Sars-Cov-2).

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.