Facebook sceglie Office 365 per i dipendenti

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteTripAdvisor permette di recensire anche i voli aerei
  • SuccessivoUSA: flebili segnali di ripresa del mercato Pc
Facebook sceglie Office 365 per i dipendenti

La Casa di Redmond e i responsabili di Menlo Park hanno stretto un accordo che porterà i dipendenti di Facebook ad utilizzare la piattaforma Cloud based Office 365 come suite per la produttività. La partnership coinvolgerà circa 13 mila collaboratori che molto probabilmente adotteranno una versione su misura delle applicazioni offerte da Microsoft.

Di default il package di Office 365 per l'ecosistema business mette a disposizione funzionalità come Delve per lo sviluppo di progetti collaborativi, a queste si aggiungono poi strumenti ben noti quali, per esempio, Word con cui editare documenti, Excel per i fogli di calcolo e PowerPoint per la realizzazione di presentazioni multimediali.

Continua dopo la pubblicità...

Non è però detto che i lavoratori del social network siano destinati ad utilizzare il pacchetto completo, anzi, l'idea dovrebbe essere quella di personalizzare quanto più possibile l'offerta; attualmente sarebbero sconosciuti anche i termini economici dell'accordo che dovrebbe prevedere dei forti sconti grazie all'alto numero di sottoscrizioni garantite.

Secondo quanto dichiarato dai dirigenti di Redmond nel corso del WPC 2016 tenutosi in questi giorni a Toronto, scegliendo Office 365 Mark Zuckerberg e soci avranno la possibilità di utilizzare non soltanto le funzionalità attualmente presenti in questa suite, ma anche quelle (nelle promesse non poche) che verranno introdotte nel prossimo futuro.

Per Microsoft il passaggio dal tradizionale Ms Office a Office 365 si è rivelato vincente, tanto da consentire alle applicazioni incluse di sbarcare con successo su sistemi operativi mobili di terze parti tra cui anche iOS. Senza la fondamentale migrazione dal locale al Cloud forse Office sarebbe oggi un progetto in declino.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.