Facebook Workplace Rooms per lo smart working

  • ForumDiscuti sul forum
  • Precedente Garante Privacy: sì al processo telematico
  • SuccessivoIBM: licenziamenti in vista delle prossime acquisizioni?
Facebook Workplace Rooms per lo smart working

Anche Menlo Park ha deciso di investire nel settore dello smart working lanciando una nuova piattaforma chiamata Workplace Rooms, quest'ultima arriva a poca distanza da alcune dichiarazioni del fondatore Mark Zuckerberg intenzionato a convertire in modalità agile almeno la metà della propria forza lavoro entro il prossimo quinquennio o, al massimo, decennio.

Ad oggi i tools per la comunicazione e la collaborazione a distanza in ambito lavorativo sono numerosi, basti pensare a soluzioni come Teams della Casa di Redmond, il sempre più noto Zoom o Google Meet che hanno moltiplicato svariate volte il traffico gestito durante il periodo di lockdown dovuto all'emergenza Coronavirus (Sars-Cov-2).

Continua dopo la pubblicità...

In che modo l'alternativa di Facebook potrebbe affermarsi all'interno di un panorama per alcuni versi già in fase di congestione? Tra le feature a disposizione vi è per esempio il supporto alle videocall fino a 50 partecipanti in simultanea, non sono previsti limiti per la durata delle chat e non è necessario disporre di un account Workplace per collegarsi.

Gli amministratori hanno la possibilità di escludere alcuni utenti nel caso in cui la loro presenza non fosse prevista o desiderata (anche nel caso in cui dovessero disporre del link per partecipare ad una diretta) e si può effettuare lo sharing degli display in real time. Le imprese che volessero sfruttare Workplace Rooms per la propria attività dovranno compilare il modulo presente in questa pagina.

Workplace Rooms si basa sulla medesima tecnologia di Messenger Rooms che ha esordito il mese scorso, la differenza tra le due risiede soprattutto nel fatto che la prima è stata concepita nativamente per l'utenza professionale. Tutti coloro che possiedono un account Workplace potranno utilizzare gratuitamente la piattaforma fino a dicembre 2020.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.