Google: la divisione russa è in bancarotta

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
Google: la divisione russa è in bancarotta

La divisione russa di Google avrebbe dichiarato bancarotta, tale decisione sarebbe stata presa a causa dell'impossibilità di continuare ad operare con tutte le limitazioni imposte dal governo locale, prima fra tutte quella che aveva portato al blocco del conto bancario aziendale su disposizione delle autorità. Si tratta di uno dei tanti effetti negativi dovuti al protrarsi del conflitto ucraino.

A tal proposito è comunque utile sottolineare che le relazioni tra Alphabet (il conglomerato finanziario di cui da parte Big G) e Mosca non sono state mai particolarmente rilassate, la guerra in Ucraina non avrebbe fatto altro che inasprire una contrapposizione preesistente, soprattutto a causa di una visione differente per quanto riguarda la libertà d'espressione.

Mountain View infatti avrebbe ricevuto più volte delle richieste di rimozione di contenuti da parte del Cremlino ma non sempre si sarebbe dimostrata collaborativa, in almeno un'occasione ciò avrebbe portato le istituzioni russe a sanzionare la compagnia per una somma pari a circa 100 milioni di dollari (allora oltre 7 miliardi di rubli).

Alcuni servizi continueranno a funzionare ma Google non potrà più "essere fisicamente presente" in Russia

Come sottolineato dai dirigenti della controllata russa, l'impossibilità di accedere al proprio conto bancario avrebbe impedito alcune operazioni essenziali per il suo funzionamento, come per esempio il pagamento dei propri dipendenti, l'assunzione di nuovi collaboratori, i trasferimenti ai fornitori e non ultimo il versamento delle imposte.

Il gruppo californiano continuerà ad erogare alcuni dei suoi servizi non orientati all'ecosistema business in Russia, come per esempio Google Maps, Gmail e YouTube, nello stesso modo il Play Store rimarrà attivo a sostegno degli utilizzatori di dispositivi Android. Detto questo Google non avrà più alcun ufficio che lo rappresenti nel territorio del Paese.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti