Google potenzia la ricerca di patologie mediche

Google potenzia la ricerca di patologie mediche

Gli sviluppatori di Mountain View hanno implementato nuove funzionalità all'interno del loro motore di ricerca in modo che consenta di effettuare query che permettano di reperire informazioni su sintomi e relative patologie mediche; tali dati saranno disponibili attraverso un unico pannello e potranno essere visualizzati sia nella versione Web che tramite le applicazioni mobili di Google.

Fino ad oggi, ovviamente, era già possibile effettuare ricerche su temi riguardanti la medicina attraverso il search engine di Big G, questa volta però l'algoritmo offrirà un servizio in più: descrivendo un sintomo attraverso l'apposito modulo (ad esempio: "Ho mal di testa") si riceveranno dei risultati inerenti le malattie che potrebbero dare origine a tale disturbo.

Continua dopo la pubblicità...

La nuova feature di Google sarebbe stata implementata da una parte tramite un intervento tecnico, incrociando le ricerche effettuate più frequentemente dagli utilizzatori con le informazioni mediche disponibili in Rete, e dall'altra con un consistente contributo di esperti che hanno offerto la loro consulenza per verificare l'attendibilità dei risultati.

Tale novità avrebbe già creato qualche preoccupazione presso chi gestisce i siti Web "di settore", cioè le risorse fino ad ora messe a disposizione da Google in seguito ad una ricerca di carattere medico; fornire agli utenti una sezione appositamente dedicata potrebbe tradursi in un danno per il traffico generato da progetti di terze parti.

Diverse le reazioni da parte dei medici, secondo quanto dichiarato dai responsabili dell'American Academy of Family Physicians le persone sono spesso spaventate dalle informazioni mediche presenti su Internet, disporre di un'interfaccia centralizzata con contenuti supervisionati da professionisti potrebbe quindi aiutare a superare queste paure.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.