I grandi del Web parlano al Congresso USA

I grandi del Web parlano al Congresso USA

Sundar Pichai, Mark Zuckerberg, Jeff Bezos e Tim Cook, rispettivamente CEO di Alphabet (Google), Facebook, Amazon e Apple, hanno riferito in teleconferenza con il Congresso statunitense durante un'audizione che avrebbe fatto emergere ancora più chiaramente quanto il rapporto tra Politica e Big Company sia attualmente teso negli USA.

Per quanto riguarda Big G, Pichai ha dovuto rispondere a domande riguardanti l'advertising e il dominio di Google nel mercato della ricerca, l'intenzione del Congresso era quindi quella di capire quanto la posizione monopolistica di fatto conquistata da quest'ultimo possa danneggiare la libera concorrenza favorendo la stessa Mountain View e le società partner.

Continua dopo la pubblicità...

Diverse le questioni poste a Zuckerberg, chiamato a chiarire quali siano le contromisure adottate dal Sito in Blue per contrastare disinformazione e fake news, importante anche la questione che sarebbe emersa in seguito a un messaggio nel quale l'acquisizione di Instagram (risalente al 2012) sarebbe stata motivata con la necessità di limitare la concorrenza nel settore del sociel networking.

Jeff Bezos, per la prima volta di fronte al Congresso, sarebbe stato chiamato invece a rispondere dell'utilizzo che Amazon fa dei dati ricavati dall'attività dei venditori di terze parti, queste informazioni potrebbero infatti risultare molto utili allo stesso colosso del commercio elettronico per incrementare le vendite dei propri prodotti a discapito dei partner e dei concorrenti.

Tim Cook, infine, ha dovuto rispondere a domande riguardanti questioni più marginali, come per esempio la rimozione di alcune applicazioni per il controllo parentale di terze parti dal catalogo dell'App Store. Apple avrebbe giustificato tale scelta facendo riferimento a funzionalità già integrate in iOS e al fatto che alcune software house esterne al gruppo avrebbero potuto accedere ai dati sensibili delle famiglie.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.