Gli impiegati più felici? Lavorano per Google

Gli impiegati più felici? Lavorano per Google

Mountain View si è nuovamente piazzata al primo posto tra le aziende migliori per le quali lavorare, a rivelarlo è la classifica intitolata "Great Place to Work" che vede Google conquistare la vetta per il quarto anno di fila. Tele risultato non riguarderebbe soltanto i dipendenti statunitensi di Big G, ma anche quelli che operano nelle altre localizzazioni della compagnia.

Per entrare a far parte di questa particolare classifica è necessario che un'azienda presenti delle caratteristiche specifiche, si deve trattare infatti di una multinazionale perché i sondaggi vengono effettuati prima a livello nazionale, analizzando le diverse sedi di un gruppo, successivamente viene effettuata una media tra tutti i punteggi conseguiti nei vari paesi.

Continua dopo la pubblicità...

Altro criterio fondamentale è quello relativo al numero dei dipendenti, questi devono essere almeno 5 mila e non meno del 40% di essi deve essere impiegato al di fuori del paese in cui la multinazionale ha la sua sede principale. Ciò permette di stabilire se una compagnia adotta politiche lavorative differenti a seconda del luogo in cui si trova ad operare.

Google, con i suoi 56.300 dipendenti, rientra perfettamente nei criteri di "Great Place to Work" e occupa la prima posizione dal 2013, tra le aziende tecnologiche seguono SAS Institute, al secondo posto, Dell, al quarto e NetApp in sesta posizione. Tra le 25 aziende elecate mancano invece molti nomi noti dell'industria high tech.

Se infatti gli impiegati di Autodesk (ottava), Cisco (al quattordicesimo post) e Adobe (ventidiesima) si sarebbero dimostrati molto soddisfatti dalle condizioni del proprio posto di lavoro, lo stesso entusiasmo non sarebbe stato espresso dai collaboratori di colossi come Facebook, Microsoft, Apple e Amazon attualmente fuori classifica.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.