Microsoft acquisisce ZeniMax Media, è ufficiale

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • Precedente McAfee rinuncia al segmento enterprise
  • SuccessivoPanasonic: 6.5 miliardi per il machine learning di Blue Yonder

Nel settembre dello scorso anno la Casa di Redmond aveva reso nota l'acquisizione di ZeniMax Media, società a cui fa capo anche la nota game house Bethesda Softworks, per la cifra di 7.5 miliardi di dollari. L'operazione era stata approvata in prima istanza dalla SEC (Securities and Exchange Commission) e ora avrebbe ricevuto anche il nullaosta europeo.

ZeniMax Media è un colosso con sede negli Stati Uniti che possiede alcuni dei più importanti brand mondiali nel settore del gaming, tra questi ultimi vi sono anche quelli di ID Software (marchio storico del settore noto per titoli come Doom e Quake), Tango Gameworks, RoundHouse, Arkane Studios e MachineGames. Dopo il passaggio di mano tutte le sussidiarie dovrebbero confluire negli Xbox Game Studios.

La sola Bethesda Softworks dovrebbe contare oltre 2 mila impiegati in tutto il Mondo, quest'ultima come le altre controllate della ZeniMax Media sarebbe riuscita ad attirare l'attenzione di una Microsoft che necessita di arricchire ulteriormente il proprio catalogo, anche con lo scopo di contrastare una concorrente come Sony con la sua PS5.

A questo proposito il gruppo capitanato da Satya Nadella avrebbe già precisato da tempo che tutti gli accordi in essere tra ZeniMax Media e la corporation giapponese rimarranno in essere senza alcuna modifica anche successivamente all'acquisizione, quindi i titoli rilasciati in esclusiva per la console videoludica di quest'ultima dovrebbero rimanere tali.

A parere della Commissione Europea chiamata a valutare l'impatto della fusione sul comparto di riferimento, essa non dovrebbe portare alla creazione di una realtà in grado di limitare la concorrenza che nel settore del gaming sarebbe comunque garantita. Anche con l'ingresso di ZeniMax Media in Microsoft non si verrebbe quindi a creare un soggetto dominante.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti