Microsoft conferma migliaia di licenziamenti

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • Precedente WhatsApp: note vocali per gli aggiornamenti di stato
  • SuccessivoInstagram: il Quiet Mode per bloccare le notifiche
Microsoft conferma migliaia di licenziamenti

Le voci circolate nelle scorse ore secondo cui Microsoft sarebbe pronta a licenziare circa 10 mila dipendenti sembrerebbero essere state confermate. Il gruppo guidato da Satya Nadella avrebbe deciso di rinunciare al 5% dei propri dipendenti con l'obbiettivo di ottenere un maggiore allineamento tra i costi di esercizi e i profitti maturati.

A motivare questa decisione potrebbero essere stati i numeri dell'ultima trimestrale di cassa presentata agli investitori, secondo cui le entrate nette della compagnia sarebbero diminuite del 14%, così come quelli della prossima che diventerà pubblica il 24 gennaio 2023. Con tutta probabiltà la campagna di licenziamenti verrà completata entro il primo semestre dell'anno corrente.

L'azienda avrebbe già stabilito il trattamento per coloro che dovranno abbandonare il posto di lavoro, i licenziati negli USA continueranno ad esempio a godere di copertura sanitaria per altri 6 mesi, riceveranno una buonuscita più elevata rispetto a quella che generalmente viene corrisposta in questi casi e continueranno a maturare premi azionari.

Sono previsti anche dei percorsi per il reinserimento nel mondo del lavoro e il preavviso di licenziamento verrà inviato almeno 60 giorni prima della fine del rapporto. Nel complesso la società dovrebbe spendere circa 1.2 miliardi di dollari per gestire questo gigantesco taglio del personale e contenerne gli effetti sulle divisioni coinvolte.

Tra queste ultime la più colpita potrebbe essere quella che si occupa dell'hardware, mentre la meno interessata potrebbe essere quella dedicata ai servizi Cloud che fino ad ora hanno garantito ottime performance. È inoltre probabile che ai licenziamenti seguiranno delle nuove assunzioni destinate a rafforzare le divisioni che generano maggiori profitti.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti