Multa da 1.1 miliardi per Apple

Multa da 1.1 miliardi per Apple

La Casa di Cupertino sarebbe stata multata dall'Antitrust francese per condotta anticoncorrenziale e abuso di posizione dominante nei confronti dei propri retailer. La sanzione ammonterebbe a 1.1 miliardi di euro. Multe più contenute anche per due importanti grossisti della Apple come Ingram Micro (76.1 milioni) e Tech Data (62.9 milioni).

Il procedimento a carico del gruppo californiano riguarderebbe la distribuzione di diversi prodotti tra cui non vi sarebbe però l'iPhone, secondo l'authority transalpina Apple avrebbe dato vita ad un cartello che non prevedeva la concorrenza tra grossisti in modo che i prezzi potessero rimanere più elevati di quanto sarebbe successo in presenza di una competizione tra distributori.

Tale strategia avrebbe impedito di lanciare promozioni e offerte che avrebbero potuto rendere gli iDevice più convenienti, cosa che al termine della filiera si sarebbe tradotta in un aggravio per le tasche degli utenti finali. Tutto ciò avrebbe portato a erogare la multa più elevata di sempre a seguito di una singola inchiesta sul mercato all'ingrosso.

E' bene tenere presente che la sanzione sarebbe stata il risultato di un'indagine di vecchia data iniziata nel corso del 2012, tutto sarebbe cominciato in seguito a una denuncia presentata dal distributore transalpino eBizcuss i cui responsabili avevano accusato la Mela Morsicata di concorrenza sleale davanti alla suprema corte di Parigi.

Continua dopo la pubblicità...

In sostanza, sempre secondo quanto sostenuto dagli accusatori, Apple avrebbe sfavorito l'attività di eBizcuss destinando a quest'ultimo un numero sempre più ridotto di prodotti, ciò con l'obbiettivo di favorire i propri negozi fisici in terra francese. Solo gli accordi con i provider telefonici avrebbero impedito che la problematica si estendesse anche agli iPhone.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.