Pirateria: assolta RapidShare

La corte d'appello di Dusseldorf, in Germania, ha stabilito che il noto servizio di file hosting RapidShare non può essere accusato di pirateria; questo nonostante i gestori della piattaforma avessero subito una condanna alla fine del primo grado di giudizio.

Quali le motivazioni della sentenza favorevole? In pratica il Giudice ha riconosciuto il fatto che i file messi a disposizione del servizio non sono pubblici, l'eventuale violazione di diritti d'autore da parte degli utenti deve quindi essere ritenuta a carico di questi ultimi.

La notizia dell'assoluzione in appello è però a suo modo anche favorevole nei confronti degli utenti, RapidShare infatti non dovrà essere obbligata a mettere a disposizione gli indirizzi Ip dei suoi utilizzatori, anche nel caso di un'ordinanza da parte di un tribunale.

Dato che, come riconosciuto dal Giudice, una buona parte degli utilizzatori del servizio lo fa per scopi che non possono essere ritenuti illegali, richiedere i loro dati personali costituirebbe una violazione dei diritti dei cittadini coinvolti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.