RapidShare: noi non siamo come Magaupload

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGli e-book sono un pericolo, parola di scrittore
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

In fondo tutti si aspettavano che i vertici di un diffuso servizio per l'archviazione in remoto e la condivisione dei file come RapidShare avrebbero detto la loro riguardo alla vicenda che ha recentemente coinvolto Kim Dotcom e le sue creature Magaupload e Megavideo.

Daniel Raimer, portavoce del gruppo ha infatti affermato di recente che esisterebbero differenze abissali tra Rapidshare e Megaupload, solo il 5% dei file hostati dal primo sarebbero infatti illegali; come poi questo dato sia stato ricavato potrebbe essere argomento di discussione.

Ma, al di là delle quantità di contenuti protetti "in circolo" nelle due piattaforme, Rapidshare avrebbe sottolineato anche una differenza "filosofica" tra i due servizi: Megaupload avrebbe infatti basato gran parte della sua fortuna nell'incentivare la pirateria.

Raimer avrebbe poi ricordato come Rapidshare abbia sempre cercato di responsabilizzare gli utenti nei confronti del problema della violazione dei copyright e, a differenza di altri servizi dello stesso tipo, avrebbe nel suo staff collaboratori impegnati proprio nella valutazione di eventuali abusi.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.