Rilasciate le specifiche del 5G

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email

L'ITU (International Telcommunication Union) ha rilasciato le specifiche della tecnologia 5G, protocollo per le comunicazioni ultraveloci che nel prossimo futuro manderà in pensione l'attuale 4G; si tratta di un passaggio fondamentale verso le standardizzazione di un sistema che porterà beneficio non soltanto agli utilizzatori di dispositivi mobili, ma anche al crescente mercato degli oggetti connessi e dell'IoT (Internet of Things).

L'appuntamento con l'adozione del 5G su larga scala è atteso entro il 2020, per allora gli operatori interessati dovranno disporre di una quota libera in termini di spettro pari a non meno di 100MHz, saranno però privilegiati i provider in grado di garantire ampliamenti fino a 1 GHz. Va sottolineato che per il momento l'ITU abbia fornito soltanto una bozza delle specifiche, quindi parliamo di valori che potrebbero cambiare da qui a novenbre.

Per quanto riguarda le prestazioni, sono stati previsti 20 Gbps in downlink e 10 Gbps in uplink per ciascuna stazione mobile; in questo caso ci si riferisce a performance per singola cellula e non per singolo utente (a meno che quest'ultimo non disponga di una propria connessione point-to-point), il monte Gbps garantito dovrà essere quindi suddiviso per tutti gli utilizzatori che fanno capo ad una cellula.

Relativamente alla copertura il documento parla di almeno 1 milione di device connessi per chilometro quadrato, appare quindi chiaro come questo valore sia influenzato da previsioni sulla diffusione degli oggetti smart, dispositivi in connessione costante sia con i terminali dei proprietari che con i server delle case produttrici.

Ciascun utente dovrebbe godere costantemente di almeno 100 Mbps in download e di 50 Mbps in upload, con latenze non superiori ai 4ms (se non addirittura 1 ms in alcuni casi); i collegamenti dovranno essere supportati anche in movimento ed essere accessibili anche in caso di spostamenti a velocità elevate, fino a 500 Km/h.

  • Argomenti:

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti