Solo il 10% delle aziende italiane vende online

Solo il 10% delle aziende italiane vende online

Stando a quanto riportato nel Rapporto BES (benessere equo e sostenibile) 2021 dell'ISTAT ad oggi soltanto il 10% delle aziende italiane con almeno 10 addetti venderebbe i propri prodotti online tramite un negozio di e-commerce, una partnership con un marketplace o altra forma di intermediazione legala al commercio elettronico.

Per la precisione la percentuale rilevata dai ricercatori dell'istituto di statistica sarebbe stata pari a 11.5 punti percentuali nel corso del 2020, tale valore risulterebbe superiore di oltre 2 volte rispetto a quello registrato nel corso del 2013 (5.1%) ma testimonierebbe in ogni caso quanto il ricorso ad Internet per la commercializzazione sia ancora un fenomeno limitato.

Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, tra le sorprese troviamo la Calabria che si dimostrerebbe una delle regioni più dinamiche relativamente al contesto italiano piazzandosi al quarto posto dopo le aree di Bolzano, Trento e Aosta. Molto più in ritardo le restanti realtà produttive del Nord che sembrerebbero non riuscire a sfruttare pienamente il loro potenziale economico.

A proposito di quest'ultimo punto basterebbe citare il dato secondo cui la Lombardia, il Piemonte e l'Emilia, cioè tre della regioni più industrializzare della Penisola tra cui quella che è considerata la più ricca d'Europa (la Lombardia) insieme al distretto tedesco della Baviera, avrebbero generato numeri al di sotto della media italiana nel periodo considerato.

Continua dopo la pubblicità...

Tra le aziende che si sarebbero dimostrate in grado di sfruttare maggiormente le opportunità della vendita online vi sarebbero quelle legate al settore dei servizi non finanziari (con il 16.3% e una crescita dal 2.4% dal 2013 all'8.2% attuale), mentre le imprese del manifatturiero sembrerebbero essere nettamente meno attive (6.6%).

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.