Steve Jobs voleva il controllo su Yahoo!

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteSkype for Business in arrivo per il 18 marzo
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Steve Jobs voleva il controllo su Yahoo!

Le indiscrezioni riguardanti "Becoming Steve Jobs", nuova biografia del fondatore della Casa di Cupertino scritta a quattro mani da Brent Sclender e Rick Tetzeli, starebbero permettendo di scoprire aspetti nascosti della vita di questo imprenditore, ciò grazie alle rivelazioni degli intervistati per la stesura dell'opera. Tra di essi Tim Cook.

L'attuale CEO della Mela Morsicata avrebbe confermato di essersi offerto volontariamento per donare parte del suo fegato all'amico e collega gravemente malato e vicino alla morte, quest'ultimo però avrebbe rifiutato e da questa decisione sarebbe nato uno dei rari litigi (così afferma Cook) tra Jobs e un suo dirigente.

Nello specifico, quello che oggi è il massimo vertice della Apple avrebbe sottolineato che nel corso di una collaborazione durata molti anni Jobs avrebbe alzato la voce contro di lui soltanto quattro o cinque volte, il giorno che quest'ultimo declinò l'offerta che avrebbe potuto salvargli la vita sarebbe stato uno di quelli.

Ma dal libro emergerebbero anche particolari inediti riguardanti l'attività di imprenditore di Jobs, come quello secondo il quale egli avrebbe cercato di accordarsi con Bob Iger, CEO di Disney, per acquistare il motore di ricerca di Yahoo!; un tentativo che, se riuscito, avrebbe permesso a Cupertino di arginare lo strapotere di Mountain View nel settore delle query

Continua dopo la pubblicità...

Relativamente a quanto dichiarato da un altro grande amico di Jobs, l'ormai celebre designer Jonathan Ive, quest'ultimo avrebbe rivelato che già nel 1997 in azienda si parlava della possibile creazione di una Apple Tv; progetto poi rimandato a causa del fatto che l'allora CEO della Mela Morsicata nutriva molti dubbi sulla possibile redditività di un ingresso nel mercato televisivo.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.