Wikipedia si ferma contro la nuova legge sul copyright

Wikipedia si ferma contro la nuova legge sul copyright

La nuova, e molto restrittiva, normativa sul copyright attualmente in discussione in sede europea non ha suscitato particolare interesse presso i media generalisti e l'opinione pubblica. Per questo motivo la Wikimedia Foundation ha deciso di dire la sua sulla questione attraverso un'iniziativa eclatante.

Wikipedia è stata quindi resa inaccessibile, al suo posto un comunicato nel quale i suoi gestori hanno voluto chiarire che quanto previsto dalla rimodulazione del diritto d'autore potrebbe rendere impossibile la sua permanenza online. A presentare importanti criticità sarebbero in particolare 2 articoli della proposta: l'11 e il 13.

Continua dopo la pubblicità...

L'articolo 11 prevede che eventuali link per la condivisione di contenuti pubblicati, per esempio, sui social media o negli aggregatori di news, debbano essere "tassati". In sostanza realtà come Facebook, Twitter e Google sarebbero costrette a sottoscrivere delle licenze per poter accedere all'offerta dei produttori, anche per offrire dei semplici collegamenti alle fonti.

L'articolo 13 prevede invece la creazione di un parser che funzioni come filtro, quest'ultimo dovrebbe effettuare una scansione periodica dei contenuti presenti in Rete alla ricerca di quelli che potrebbero violare il diritto d'autore. Inutile sottolineare quanto un sistema del genere si presti a possibile derive contrarie alla libertà di espressione in Rete.

La preoccupazione di Wikimedia è dovuta soprattutto al fatto che il 5 luglio il Parlamento europeo si riunirà in seduta plenaria per decidere se accelerare l'approvazione della direttiva sul copyright. E' stata poi pubblicata una pagina attraverso la quale gli utenti potranno scegliere di telefonare ai propri eurodeputati di riferimento o contattarli tramite social e siti Web.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.