Amazon: pagamenti da conto corrente

Amazon: pagamenti da conto corrente

La divisione italiana di Amazon offre oggi una nuova modalità per il pagamento degli ordini, è stato infatti introdotto il supporto per l'impiego del conto corrente bancario che si va ad aggiungere a quello tradizionalmente basato sull'uso delle carte di credito. La procedura prevista è quella dell'addebito diretto, simile al RID ma effettuato una tantum per ciascuna transazione.

Per usufruire di questa funzionalità l'utente non dovrà fare altro che accedere al proprio account su Amazon e aprire la sezione "Opzioni di pagamento", una volta selezionata la voce "Aggiungi un conto corrente" si potranno inserire i pochi dati necessari a concludere l'operazione: BIC (codice Swift), IBAN e nome dell'intestatario.

Continua dopo la pubblicità...

E' bene sottolineare che per il momento non tutti i prodotti presenti nel catalogo di Seattle supportano questa modalità di pagamento, è probabile che nel prossimo futuro il loro numero sia destinato ad ampliarsi ma molto dipenderà anche dal successo che l'iniziativa avrà presso i consumatori. Poche aziende come Amazon possono garantire un'affidabilità tale da richiedere un dato così sensibile come quello di un conto bancario.

Per quanto riguarda invece l'addebito, l'azienda capitanata da Jeff Bezos ha specificato che non verrà prelevata alcuna somma dal conto del cliente fino a quando la merce ordinata non sarà spedita. Così come già accade per le carte di credito, anche i dati relativi agli account bancari potranno essere rimossi in qualsiasi momento.

Questa iniziativa mira a semplificare la vita (e le abitudini di consumo) di coloro che vorrebbero effettuare acquisti su Amazon ma non dispongono di una carta di credito o di una prepagata, questi ultimi infatti sarebbero più numerosi di quanto non si possa credere e spesso sfuggono ai "radar" di chi gestisce piattaforme di e-commerce.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.