Anche LibreOffice punta sul Cloud

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteIl 15 e 16 maggio a Verona sarà phpDay 2015
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

LbreOffice, la suite per la produttività creata dalla The Document Foundation generando un fork totalmente free software di OpenOffice, mette ora a disposizione una piattaforma basata sul Cloud Computing e lo storage remoto dei dati denominata LibreOffice Online, soluzione realizzata in partnership con Collabora e IceWarp.

Si tratta quindi di una risposta in salsa Open Source a servizi già collaudati per la produttività Web based e rilasciati da veri e propri colossi del Web come per esempio Mountain View con il suo Google Docs (applicazione correlata alla "nuvola" di GDrive) e la Casa di Redmond con Office 365, che si appoggia a sua volta al Cloud di OneDrive.

Continua dopo la pubblicità...

Secondo quanto dichiarato dai responsabili del progetto, l'implementazione di quest'ultimo avrebbe avuto inizio alcuni anni fa, nel 2011, e sarebbe proseguita fino alla realizzazione di un client basato sul linguaggio HTML5 che dovrebbe presto trasformarsi in un'applicazione per l'interazione con le funzionalità disponibili su LibreOffice Online.

Tale piattaforma dovrebbe essere la prima ad offrire il supporto nativo per il formato ODF ma, così come già accade per la versione installabile localmente della suite, dovrebbe permettere di effettuare il salvataggio dei file anche in altri formati; lo sbarco sul Cloud di questa soluzione potrebbe incentivarne l'utilizzo anche in ambito aziendale.

LibreOffice Online sarà utilizzabile direttamente attraverso un browser per la navigazione Web, esso infatti è stato concepito per funzionare esclusivamente grazie a tecnologie per Internet come per esempio HTML e JavaScript, ne consegue che per l'accesso al servizio non verrà richiesta l'installazione di alcun plugin di terze parti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.