App in preordine sull'App Store

App in preordine sull'App Store

La Casa di Cupertino ha deciso di dare agli sviluppatori la possibilità di presentare le proprie applicazioni 90 giorni prima della pubblicazione sull'App Store. In questo modo gli utilizzatori interessati potranno effettuare il preordine del software desiderato e riceverso automaticamente sull'iDevice non appena avvenuto il rilascio ufficiale.

Si tratta di una funzionalità richiesta da tempo che consentirà ai developer di lavorare verificando in anteprima il livello di attesa della proprie soluzioni presso il grande pubblico. L'iniziativa non riguarderà soltato iOS ma anche tutte le altre piattaforme di Apple che suppportano l'installazione di App (macOS, tvOS..).

La presentazione anticipata potrà essere effettuata sia per la applicazioni gratuite che per quelle a pagamento, nel caso di queste ultime si avrà la possibilità di approfittare di offerte che prevedono prezzi più bassi rispetto a quelli stabiliti al momento della pubblicazione. Tale sistema potrebbe quindi rivelarsi ottimale per eventuali promozioni.

L'App Store integra già da diverso tempo un sistema di notifiche che consentono all'utilizzatore di essere avvisato quando una determinata applicazione è stata finalmente pubblicata sul market place; questa volta però il meccanismo è stato migliorato consentendo di effettuare il pagamento di un titolo ancora prima che esso diventi scaricabile.

Continua dopo la pubblicità...

Si tratta di una feature particolarmente indicata per alcune tipologie di applicazioni per le quali l'elemento dell'attesa gioca un ruolo essenziale, come per esempio i videogames. L'idea è quindi quella di massimizzare l'effetto degli annunci che potrebbe affievolirsi senza uno strumento commercialmente efficace come i preordini.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.