Apple: nessun rischio per iCloud

Apple: nessun rischio per iCloud

Nelle scorse ore un gruppo di hacker black hat denominato "Turkish Crime Family" ha diffuso su Twitter delle chiare minacce contro la piattaforma per lo storage remoto iCloud della Casa di Cupertino. La risposta di Apple è giunta però tempestivamente assicurando agli utenti che il servizio non correrebbe attualmente alcun rischio.

Nello specifico i componenti del "Turkish Crime Family" avrebbero affermato di essere pronti a violare 200 dei 600 milioni di account registati su iCloud entro il prossimo 7 aprile; per evitare questo alla Mela Morsicata sarebbe stato richiesto di pagare 75 mila dollari o, in alternativa, 100 mila iTunes Gift Card. Un vero e proprio tentativo di estorsione.

Continua dopo la pubblicità...

Per rendere ancora più credibile la minaccia pubblicata sul social network, il gruppo avrebbe diffuso su Internet un video nel quale verrebbero mostrati alcuni tentativi di accesso ad account iCloud portati a termine con successo; questo filmato non sarebbe stato però sufficiente ad impensierire gli esperti di sicurezza di Apple.

Secondo questi ultimi infatti, le immagini presentate nel video riguarderebbero azioni malevole di vecchia data condotte sfruttando vulnerabilità ormai risolte da tempo, inoltre tali attacchi sarebbe stati possibili soltanto grazie alla compromissione di piattaforme di terze parti e non violando l'infrastruttura tecnica di Cupertino.

Attualmente Apple starebbe lavorando per monitorare il proprio network al fine di rilevare eventuali attività sospette e di identificare i protagonisti della minaccia; in ogni caso, chi volesse mettere il proprio account al sicuro da qualsiasi tentativo di attacco potrà sempre modificare la password per l'accesso al servizio.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.