Apple: le notizie si pagano

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteLa Russia vuole disconnettersi da Internet (ha già pronta la sua Runet)
  • SuccessivoRilasciato WordPress 3.0.1
Apple: le notizie si pagano

La Casa di Cupertino ha organizzato per il 25 marzo un evento dedicato alla presentazione del suo nuovo servizio editoriale dedicato all'informazione di attualità. L'incontro avrà luogo presso il Steve Jobs Theater sito al'interno del nuovo campus della Mela Morsicata, ma già nelle scorse ore hanno cominciato a circolare in Rete alcune indiscrezioni.

Un servizio di news a pagamento

La prima novità, forse la più importante, riguarda le modalità di erogazione dei contenuti scelte da Apple. Quasi sicuramente verrà adottata una formula premium, le news pubblicate saranno quindi fruibili soltanto a pagamento. Risulta dunque chiaro come Tim Cook e soci abbiano deciso di puntare su contributi esclusivi.

Ma quanto costerà l'accesso al servizio? Per il momento non si dispone di alcuna conferma ufficiale, ma stando alle anticipazioni il prezzo dovrebbe attestarsi sui 10 dollari al mese per un accesso illimitato alle news senza alcuna interruzione per l'advertising. Ancora ignoti i nomi delle testate partner, ma è probabile che tra di esse vi siano alcuni dei maggiori protagonisti del panorama giornalistico odierno.

Una rigida selezione per gli editori

Uno degli interrogativi che si pongono gli analisti riguarda le possibilità di partecipazione al progetto da parte di nuovi editori. L'idea a riguardo è che la selezione all'ingresso sarà particolarmente severa, chi dovesse ricevere l'approvazione di Apple potrebbe garantirsi una remunerazione pari alla metà degli introiti mensili generati.

Un nuovo tentativo dopo L'app Newsstand

Apple non è nuova a progetti legati all'informazione, a tal proposito basterebbe citare l'esempio dell'applicazione "Newsstand", una soluzione nata per gestire gli abbonamenti a testate giornalisitiche su iOS che non ebbe grande fortuna. Creata nel 2011 e sopravvissuta fino al 2015, questa edicola digitale venne sostituita dalla più recente "News".

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti