Apple pensa alla sicurezza con iOS e iPadOS 16.3

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteMail Libero e Virgilio non funzionano: torneranno attive tra 24/48 ore. Il Codacons minaccia la class action
  • SuccessivoAnche Spotify licenzia centinaia di dipendenti
Apple pensa alla sicurezza con iOS e iPadOS 16.3

La Casa di Cupertino ha reso disponibili i sistemi operativi iOS e iPadOS 16.3, ultimi aggiornamenti delle piattaforme che gestiscono gli smartphone iPhone e i tablet iPad. Attualmente entrambe le release hanno superato la fase di betatest che era iniziata nel dicembre dello scorso anno anticipando quelle che sarebbero state le feature principali.

Le novità di questi due rilasci riguardano soprattutto la sicurezza, in particolare su iOS 16.3 abbiamo il supporto per la l'autenticazione tramite una chiave fisica da utilizzare per l'accesso tramite il proprio Apple ID. Sono disponibili diversi standard tra cui anche FIDO (Fast IDentity Online) che è compatibile con tutti i sistemi per la strong authentication.

Da segnalare inoltre l'estensione della crittografia end-to-end ad un maggior numero di categorie per i dati, rientrano quindi in questo tipo di protezione anche i promemoria, i memo vocali, gli shortcut per Siri, il Wallet, i Segnalibri e i Preferiti di Safari, le note, le foto, le copie di sicurezza di dispositivi e messaggi e tutto ciò che riguarda iCloud Drive.

Interessante anche il nuovo sistema di gestione delle chiamate di emergenza e nello specifico della funzionalità chiamata "SOS emergenze". La nuova impostazione prevede infatti che per effettuare una chiamata l'utilizzatore debba tenere premuti il tasto laterale e uno dei tasti per la regolazione del volume e successivamente rilasciarli.

Chi volesse verificare la disponibilità di tali aggiornamenti per il proprio device dovrà seguire il percorso "Impostazioni > Generali > Aggiornamento Software", l'annuncio delle nuove versioni di iOS e iPadOS è stato appena dato dai rappresentanti di Apple ed è quindi possibile che si debbano aspettare alcuni giorni prima dell'upgrade.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti