Aruba aderisce al CISPE per la protezione dei dati nella fornitura di servizi Cloud

Aruba S.p.A., società italiana leader nei servizi di Web hosting, ha aderito in questi giorni al Codice di Condotta per la protezione dei dati CISPE (Cloud Infrastructure Services Providers in Europe), per tutti i servizi erogati sotto il suo marchio Aruba Cloud; si tratta di un passo avanti verso una standardizzazione delle tutele in ambito UE in vista del regolamento che entrerà in vigore nel 2018.

Aruba si è mossa nell'ambito di una coalizione che vede coinvolti ben 15 Cloud Provider di 7 diversi stati del Vecchio Continente: Francia, Paesi Bassi, Spagna, Finlandia, Lussemburgo e Bulgaria; gli operatori hanno così accolto le richieste di un buon numero di clienti che lamentavano la mancanza di regole uniche per la protezione dei propri dati.

Continua dopo la pubblicità...

Il Codice di Condotta CISPE anticipa di fatto l'applicazione del GDPR (General Data Protection Regulation), grazie ad esso risulterà inoltre più chiara la ripartizione della responsabilità tra i clienti e i provider di servizi Cloud; gli utenti avranno poi maggiori opportunità di gestire i propri dati in ambito europeo sapendo di dover sottostare sempre alle stesse regole.

L'adesione al CISPE prevede l'utilizzo di un marchio di garanzia con il quale viene certificato il rispetto delle normative previste per la protezione delle informazioni archiviate attraverse le infrastrutture Cloud, tale marchio avrà quindi valore nell'intero Spazio Economico Europeo è sarà garanzia di un trattamento appropriato e trasparente delle informazioni.

Il Codice di Condotta CISPE stabilisce tra l'altro che il provider di servizi Cloud scelto dal cliente non possa accedere ai dati di quest'ultimo o impiegarli operazioni di data mining, marketing diretto o profilazione, come accade per esempio quando tali informazioni vengono utilizzare per proporre advertising su misura per l'utenza.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.